Comunicazioni

Statistiche

newsVi presentiamo tre grafici che evindenziano come le attività della nostra associazione hanno avuto un sensibile incremento nell’anno appena trascorso.

Cliccare sul grafico per ingrandirloclick

 Nel primo intitolato “Media frequenza palestra…” si comprende l’incremento di frequentatori della palestra dal 2012/13 al 2014/15.

presenza palestra_sitoNel secondo intitolato “Andamento iscrizioni” viene evidenziato l’incremento delle iscrizioni dal 2011 al 2014.

Andamento Iscrizioni_per_sito

Il terzo e ultimo grafico divide gli iscritti per aree geografiche.

totale iscritti_bis al 31_12_14

 

Passeggiata lungo il Muson

Una galleria di  foto della passeggiata del 13 maggio lungo il Muson con spuntino presso l’agriturismo “Dal Moro” la passeggiata si è svolta con allegria e soddisfazione per i partecipanti ( oltre 40 persone ). Il buonumore che traspare dai volti sorridenti dei partecipanti è una sicura testimonianza.

passeggiata lungo il muson

Benessere Andrologico nel Paziente Cardiopatico e/o Diabetico

Si è concluso con il tema “benessere andrologico nel paziente cardiopatico  e/o diabetico” tenuto dal dott.  ANDREA PRONTO, il ciclo di conferenze che hanno ottenuto notevole successo su vari temi proposti dalla nostra Associazione. Qui di seguito riportiamo un estratto di quanto esposto dal dott. Pronto di fronte ad un’assemblea attenta alle varie tematiche esposte.

Giornata del Cuore a Vedelago

Vedelago 17 maggio 2015

Gli Amici del Cuore di Castelfranco Veneto hanno organizzato presso la Casa di Riposo “Mons. Crico” di Vedelago la giornata del Cuore   dove sono stati esequiti dalle 8.00 alle 11.00 di domenica 17 maggio 2015, controli gratuiti sulle glicemie, per il colesterolo, per il peso e la pressione: una sorta di check up, molto importante per sensibilizzare la gente verso la cultura della prevenzione e del controllo periodico, oltre che a corretti stili di vita”.

Sapere sapori intorno al piatto

Piramide-Alimentare-Dieta-MediterraneaIl giorno 22 aprile 2015, si è svolta presso i locali degli “Amici del Cuore” di Castelfranco Veneto la conferenza  dalla dietologa dottoressa Paola Zanco dal titolo “Sapere sapori intorno al piatto”. Di fronte a un numerosissimo e attento pubblico, la dottoressa ha voluto incentrare il suo intervento sui benefici della cosiddetta “Dieta Mediterranea”dieta-mediterranea Ha esordito dicendo che circa 50 anni fa, l’equipe del prof. Ancel Keys effettuò uno studio minuzioso confrontando le abitudini alimentari degli Stati uniti, Giappone, Italia, Grecia, Jugoslavia, Olanda e Finlandia. Dallo studio emerse che la mortalità per cardiopatia ischemica era nettamente inferiore tra le popolazioni situate intorno al mediterraneo. La mortalità superiore delle altre popolazioni fu attribuita alla dieta che includeva una quota consistente di grassi saturi quali strutto, burro, carne rossa, ecc. Da allora ulteriori studi hanno sempre confermato questi risultati. La “Dieta Mediterranea”, ha continuato poi la  dottoressa, è caratterizzata da un modello nutrizionale rimasto costante nel tempo e nello spazio, costituito principalmente da olio di oliva, cereali, frutta fresca o secca, e verdure,  pesce, latticini e carne bianca, che sono poveri di grassi e che rappresentano gli elementi cardine di questa Dieta, che affonda le sue radici nel passato dei popoli del Mediterraneo ed ne ha accompagnato lo sviluppo per millenni. Oggi la 1182945666_0“Dieta mediterranea” può aiutare a vivere meglio, perché previene alcune malattie croniche e dell’invecchiamento. Infatti vi sarebbe un’associazione inversa tra l’olio d’oliva o tra l’adesione a un modello alimentare mediterraneo e l’infarto del miocardio; in particolare per gli uomini, dopo 28,5 mesi una “Dieta mediterranea” ricca di olio d’oliva si associa a un ridotto rischio d’ipertensione; dati relativi a circa 14000 soggetti hanno anche evidenziato che chi aderisce a una stretta dieta mediterranea presenta un rischio inferiore di sviluppare il diabete; in più è stata rilevata una minore probabilità di sviluppare eventi cardiovascolari per coloro che seguono una dieta di tipo mediterraneo; l’assunzione di determinate vitamine, presenti in quantità consistenti nella dieta mediterranea, è inversamente associata alla depressione.Infine la dottoressa ha risposto alle numerose domande del pubblico visibilmente soddisfatto della Conferenza.

Ecco una galleria di immagini della conferenza

Sapere sapori intorno al piatto